Logo
Header

12 Dicembre 2012 – “UE Regolatory fitness": rendere migliore la legislazione europea in tempi difficili

Empty

La Commissione Europea, il 12 Dicembre, ha emanato la comunicazione “EU Regulatory Fitness” (COM 2012 (746) final) in cui prevede un pacchetto di misure volte a rinforzare e a migliorare il quadro della regolazione europea ed ad assicurarne la qualità.
La comunicazione delinea le seguenti misure:
1. Un “Regulatory Fitness and Performance Programme” (REFIT) che, traendo spunto dalla sperimentazione di valutazioni ex post della regolazione realizzata negli ultimi tre anni, mira ad identificare le iniziative che comportino una significativa riduzione dei costi e una semplificazione della regolazione;
2. Un follow-up per il Programma d'Azione per la riduzione degli oneri amministrativi (ABRplus) per assicurare che l’effettivo raggiungimento dell’obiettivo di una riduzione della burocrazia del 25% comporti vantaggi per le imprese e le PMI negli Stati membri.
3. Un rafforzamento degli strumenti di gestione della regolazione quali il miglioramento continuo delle analisi d'impatto; valutazioni più complete e critiche, saldamente ancorate al processo politico; il miglioramento delle consultazioni degli stakeholders e un maggiore sostegno per l'attuazione.

La comunicazione è, altresì, accompagnata da due documenti di lavoro:
- "Valutazione della politica di consultazione della Commissione" in cui la  Commissione nel giudicare in modo positivo la propria politica di consultazione - consultazioni ampie e trasparenti (più di 300 pubblicate negli ultimi tre anni) e rispettose delle best practice internazionali (concessione sistematica agli stakeholders di 12 settimane per rispondere) - delinea una serie di misure per migliorare ulteriormente la qualità delle consultazioni.
-  "Programma d'azione per la riduzione degli oneri amministrativi - Rapporto finale" che spiega come la Commissione abbia presentato proposte volte a ridurre gli oneri amministrativi del 33% (circa 41 miliardi di euro), superando l'obiettivo del 25% fissato nel 2008.

Footer

Questo sito è cofinanziato dall'Unione Europea - La grafica è di proprietà della redazione di governo.it